A tutti noi (o almeno a tutti quelli che stanno leggendo questo articolo) ad un certo punto della vita è arrivata una realizzazione:

I soldi non bastano mai.

E quando dico mai è proprio mai, non importa se guadagni 1000 o 2000, senza un’adeguato piano di risparmi finirai sempre a guardare il conto in lacrime.

Come possiamo ottimizzare al massimo le nostre entrate e limare le spese superflue? Dunque come risparmiare?

Fase 1 del come risparmiare

Innanzitutto devi conoscere il nemico, prendi carta e penna o se preferisci strumenti digitali ed annota:

  • Quanti soldi guadagni al mese (fai una media mensile)
  • Quanti, in media, spendi al mese per beni di prima necessità (casa, trasporti, vestiti, igiene ecc.)
  • Quanto ti costano i tuoi sfizi e vizi in tutto (bar, ristoranti, sigarette, viaggi, vacanze)

Per avere un calcolo realistico è meglio disporre di dati di almeno un anno e fare una media così da includere anche spese che si fanno annualmente, se non si possiedono i dati possiamo fare una media previsionale.

Arrivati a questo punto hai già un’ottima arma per capire se e quanto hai esagerato in alcune voci di spesa.

Fase 2 del come risparmiare

Ora abbiamo tutti i dati a nostra disposizione e saremo in una situazione come di esempio

Entrate mensili: 1400€Spese necessarie: 700€Spese vizi e sfizi: 500€

Per poter risparmiare una cifra considerevole dovremmo tenere sempre a mente la regola del 50/30/20.

Questa semplicissima regola è studiata per permettere a tutti di risparmiare e ti spiego subito come funziona.

  • Il 50% delle tue entrate deve essere speso in cose essenziali come l’affitto, le bollette, i trasporti e il cibo: i tuoi “bisogni”.
  • Il 30% del tuo stipendio può essere speso in attività o cose non necessarie ma che ti piacerebbe avere o fare, per il tempo libero e per gli hobbies, come ad esempio per la palestra, le vacanze, le serate con gli amici.
  • Il restante 20% deve andare nei tuoi risparmi, questi soldi devono essere sempre da parte dal conto principale, come ad esempio in piani di accumulo del capitale di fondi o ETF.

Seguendo questa regola tutti possono risparmiare quel che si deve fare è essere rigidi e duri nell’applicarla.

Nell’esempio che riportavo circa il 40% del budget viene speso in vizi e sfizi ed è decisamente troppo, va dato un taglio netto.

Anche quando a sforare è il valore “spese necessarie” c’è qualcosa che non va, forse si vive in un’appartamento troppo grande rispetto allo stipendio o ci sono spese che reputi necessarie ma che potrebbero essere sfoltite.

Fase 3 del come risparmiare

A questo punto se guadagni 1400€ dovresti riuscire a mettere da parte circa 280€ al mese, se non è così cerca di arrivare a risparmiare il 20% delle tue entrate prima di proseguire questa lettura.

Da ora le cose iniziano a farsi più interessanti

Starai pensando che risparmiare questa cifra è bene ma di certo non ti cambierà del tutto la vita, facendo due calcoli hai già visto che risparmieresti circa 3.360€ in un anno e quindi 33.600€ in dieci anni, un bel risparmio ma nulla per cui entusiasmarti.

Se stai pensando questo ti sbagli di grosso, ti dicevo appunto che ora le cose si fanno interessanti e non intendevo certo mostrarti come fare le moltiplicazioni.

Quello che fa davvero la differenza nel risparmiare grosse somme oltre alla costanza è l’interesse composto.

Impara queste paroline a memoria se non le conoscevi ma sopratutto vediamo cos’è l’interesse composto:

Quando si iniziano ad investire i propri risparmi (in conti depositi, fondi gestiti, etf diversificati, non in trading.) essi iniziano a produrre un’interesse, questo interesse si calcola annualmente sul valore dello strumento che si possiede.

In parole povere se 10 anni fa avessi messo 100€ in un conto deposito che mi da il 2% annuo, avrei guadagnato ogni anno il +2% sulla somma in possesso, quindi il primo anno avrò +2% di 100, il secondo +2% di 102, il terzo +2% di 104,4 ecc.

La magia dell’interesse composto

Questo, unito ad una costanza nel risparmio e negli investimenti può portare a risparmi molto consistenti.

Ti faccio subito un’esempio reale continuando dall’esempio dei 280€ di risparmio mensili.

Invece di lasciare i 280€ mensili sul conto corrente ed arrivare dopo 10 anni a 33.600€ potremmo investirli in PAC con ETF in quanto ci offre un’alta diversificazione in un singolo prodotto, prendiamo ad esempio il IE00B4L5Y983 cioè il MSCI World.

Se avessimo investito 280€ al mese, ogni mese, alla fine dei 10 anni otteniamo 57.050€ che supera di molto la cifra lasciata sul conto.

Prova anche tu sui simulatori di performance degli ETF che si basano sui dati passati (ne trovi uno qui), ti accorgerai che è davvero difficile perdere soldi grazie proprio all’interesse composto.

Come risparmiare?

| Finanza |

Rispondi